19 Lug

Sei spaventata dal tuo partner o dal tuo ex?

Ti sei mai sentita spaventata o ferita dai comportamenti del tuo partner o ex partner? Hai mai temuto per la tua incolumità e/o per quella dei tuoi figli/e? E’ mai capitato che il tuo partner o ex partner abbia alzato le mani contro di te o contro i tuoi figli/e?

Il conflitto fa parte di ogni relazione, comprese quelle di coppia. In genere il conflitto nasce da un disaccordo o da un equivoco e non ha in sé niente di sbagliato o dannoso. Quello che può essere sbagliato o dannoso è il modo con cui lo si affronta.

Ci sono atteggiamenti e comportamenti che non aiutano a superare il disaccordo o a gestire costruttivamente un conflitto. Ci sono comportamenti che tendono a trasformare il conflitto in una relazione di dominio e di sopraffazione.

Questo accade quando un partner o un partner reagisce al disaccordo con la violenza. La violenza può assumere forme diverse. Può essere fisica o sessuale. Può essere psicologica o anche economica. Può essere agita direttamente contro la partner o ex partner o contro i suoi figli/e.

Al di là delle situazioni di conflitto, alcuni uomini pensano e si comportano con le loro partner come se dovessero essere sempre al loro servizio o come se fossero esseri inferiori non degni di rispetto; fanno battute umilianti, magari a sfondo sessuale, le mettono a tacere con modi intimidatori.

Alcuni uomini possono diventare persecutori, soprattutto se sono abbandonati o se temono un abbandono. Non è sempre facile riconoscere quando un comportamento o un atteggiamento è violento, soprattutto se si tratta di violenza psicologica.

 

Il tuo partner ti ha mai…

– urlato, gridato o inveito contro?

– umiliato, trattandoti da stupida, facendoti sentire che non vali niente, che non sei capace di fare niente?

– ricattato o minacciato di portarti via i bambini/e?

– minacciato di fare del male a tuoi familiari, amici o conoscenti?

 

Il tuo partner ti ha mai…

– impedito o costretto ad indossare un determinato vestito?

– impedito di vedere o telefonare agli amici, a tua madre, a tuo padre, o a un altro familiare?

– controllato il cellulare o la mail, senza il tuo consenso? A tua insaputa?

– sottratto il cellulare o altre cose che ti appartengono?

– accusato di dare troppe attenzioni ad altri uomini?

– pedinato, inseguito o spiato?

 

Il tuo partner ti ha mai…

– controllato gli scontrini degli acquisti, costringendoti a rendergli conto di ogni centesimo speso?

– costretta a dargli lo stipendio?

– impedito di trovare o di mantenerti il lavoro? Ad esempio facendoti delle scenate o minacciando di farlo?

– impedito di studiare?

 

Il tuo partner ti ha mai…

– spintonato o schiaffeggiato?

– dato un calcio, un pugno o ha mai minacciato di farlo?

– lanciato contro degli oggetti

– spaventato dando un pugno o un calcio alla porta, rompendo dei mobili

– sottratto il passaporto o altri documenti?

– costretto o fatto pressione per avere rapporti sessuali quando tu non volevi?

– ti ha mai costretto ad avere rapporti sessuali con altri? O costretto a vedere del materiale pornografico?

 

Questi comportamenti sono comportamenti violenti. Chi li agisce ne è il solo e unico responsabile: lo deve riconoscere e assumersene la responsabilità.

Chi agisce violenza ripetutamente in una relazione crea una situazione di dominio e di controllo, di paura e di tensione costante, profondamente lesiva dei diritti umani di chi ne è vittima.

– Se ti è capitato di subire anche uno solo dei comportamenti elencati, una o più volte

– Se temi per la tua incolumità e/o quella dei tuoi figli/e

Rivolgiti ad un Centro antiviolenza: è un luogo dove potrai incontrare altre donne e parlare di quello che ti accade. Un’operatrice ti aiuterà a capire meglio la situazione in cui ti trovi. Insieme a lei potrai individuare che cosa è meglio fare per affrontarla: a livello legale, a livello economico, a livello psicologico. Ma soprattutto potrai capire come affrontare il problema della sicurezza e della protezione tua e dei tuoi figli/e.

Per metterti in contatto con un Centro antiviolenza puoi telefonare al numero gratuito 1522 e verificare quale è il Centro a te più vicino.

Se sei a Bologna puoi chiamare direttamente la Casa delle donne per subire violenza: tel. 051 333173

Se hai la possibilità di usare internet questi sono i link per:
– Casa delle donne per non subire violenza di Bologna
– associazione nazionale dei Centri antiviolenza D.i.Re. (qui puoi trovare l’elenco dei Centri antiviolenza che vi aderiscono)

In caso di emergenza, chiama:
– Carabinieri: 112
– Polizia: 113
– Emergenza sanitaria: 118

Se pensi che il tuo partner o ex partner possa riconoscere di avere un problema con l’uso della violenza, sia disponibile a chiedere aiuto e vuoi che qualcuno parli con lui dei suoi comportamenti violenti, contattaci!

Chiama, scrivi o vieni direttamente al Centro Senza Violenza
– Dove siamo: Via de’ Buttieri 9A, Bologna
– Orari di apertura: lunedì e mercoledì dalle 14:30 alle 20:30
– Linea telefonica: tel. 349 1173486 lunedì, martedì e mercoledì dalle 13:30 alle 20:30
– E-mail: info@senzaviolenza.it

Possiamo darti maggiori informazioni su come lavoriamo e sul percorso che possiamo proporre al tuo partner o ex partner perché smetta di essere violento.

Se hai bisogno di eliminare le tracce della consultazione di questo sito ecco qui come fare.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi