fbpx

Creazioni femministe: campagna di comunicazione in LIS

In occasione della XVI edizione del Festival della Violenza Illustrata (25 novembre – 10 dicembre), Micce, associazione nata recentemente a Bologna per promuovere pratiche artistiche in un’ottica di ampio respiro, plurale ed inclusiva (o meglio sempre meno esclusiva), presenta, in partenariato con il Bar Senza Nome, la campagna di comunicazione in LIS Creazioni femministe, ideata per sensibilizzare la comunità sorda segnante di Bologna sui diversi aspetti e forme della violenza di genere e facilitare il contatto con i percorsi antiviolenza del territorio per le donne, lesbiche e persone trans sorde segnanti di Bologna.
La campagna sarà raccontata alla città il 27 novembre dalle ore 12 al bar Senza Nome (Via Belvedere 11/B) all’interno del cartellone di eventi del festival. Si potrà partecipare anche ad un “Brunch segnato”.

 

Creazioni femministe, finanziata dalla Regione Emilia Romagna, mira con questa azione a promuovere una nuova possibilità di accesso al percorso di accoglienza svolto dalla Casa delle donne per non subire violenza di Bologna. Dal 25 novembre sarà attivo un numero WhatsApp (388.4017237) a cui le donne sorde segnanti che subiscono abusi potranno videochiamare un’operatrice che, grazie ad un corso base di LIS (Lingua Italiana Segni), sarà in grado di fissare un primo appuntamento in sede. Grazie alla collaborazione e al supporto del Consiglio Regionale Emilia Romagna di ENS (Ente Nazionale sordi), al primo incontro e in tutto il percorso sarà sempre presente gratuitamente una interprete LIS.

 

Per garantire l’accessibilità alle persone sorde lesbiche e trans delle attività e dei servizi contro la violenza lesbobitransfobica, le discriminazioni legate a orientamento, identità ed espressione di genere e la violenza all’interno delle relazioni lesbiche, Casa delle donne lavorerà in rete con il MIT – Movimento Identità Trans e con la Linea Lesbica Antiviolenza di Lesbiche Bologna per attivare percorsi specifici in base alle eventuali richieste e necessità. Anche in questo caso le interpreti di Ens supporteranno il lavoro delle operatrici delle associazioni del territorio.

 

Per gli uomini sordi che agiscono violenza sarà invece possibile avviare un percorso con il Centro Senza Violenza, anche in questo caso con il supporto di un interprete LIS, scrivendo a senzaviolenza.bo@gmail.com.

Qui è possibile visionare la locandina di Creazioni Femministe.

La campagna verrà promossa con:
  • 250 locandine che saranno affisse nelle sedi delle associazioni partner, in alcuni luoghi nevralgici della città e presso il Senza Nome.
  • Il locale di via Belvedere da ora in poi diffonderà il messaggio in modo “non convenzionale” attraverso le bustine dello zucchero, in modo che chiunque prenda un caffè presso il locale possa trovare il numero di riferimento da contattare, e attraverso uno schermo con i video del progetto sempre visibili in loop. L’obiettivo è infatti che il locale, bar di riferimento in città e non solo per la comunità di persone sorde che parlano LIS, diventi un vero e proprio presidio sul territorio per il supporto e l’ascolto delle persone sorde che subiscono violenza di genere in quanto donne, lesbiche o trans.
  • sarà lanciata una campagna di 8 contenuti video (spot e videointerviste), realizzati da Hop-e di Mariaelena Zoppei e da Ambra De Caro, che saranno divulgati tramite i canali social di Micce e delle associazioni partner: i video hanno come testimoni e testimonial persone sorde visibili e popolari sia all’interno della comunità che all’esterno. A dare il volto alla campagna sono, infatti, Brazzo, rapper sordo lanciato da Italia’s Got Talent, la make up artist trans e instagram influencer Martina Panini, Sara Longhi, creatrice, insieme al compagno Alfonso Marrazzo, del Bar Senza Nome di Bologna e nominata Cavaliere al Merito della Repubblica, e Martina Marchi e Chiara Conte del Collettivo Femminista Sordx.
All’interno del Festival della Violenza Illustrata Micce propone altri due appuntamenti:
  • Audismo e questione di genere nel mondo del teatro, in programma il 27 novembre alle ore 15 al Teatro delle Moline (Via delle Moline 1/b);
  • Audismo: che cos’è? Di quali e quanti pregiudizi sono vittime le persone sorde. Quanto l’audismo si sovrappone a discrimini di genere o di identità, si terrà on-line sulle pagine facebook di Micce e Casa delle Donne per non subire violenza il 1 dicembre alle ore 18.30.

 

Qui puoi visionare i video.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi